Origine del nome (etnonimo) dei Longobardi – Orìghine de su nùmene (etnònimu) de sos Longobardos

Per acquistare il libro clicca qui in basso su BUY NOW. Prezzo 15,00 Euro.

ITALIANO
Quando Paolo Diacono (Paulus Diaconus, pseudonimo di Paul Warnefried o anche Paolo di Varnefrido, Cividale de su Friuli, 720 – Montecassino, 799) nella sua Historia Langobardorum considera come ridicola la leggenda sul nome dei Longobardi, non si mette però il problema di quale sia il significato dell’etnonimo di questo popolo e riporta, così come è, quello che c’era scritto nell’Origo Gentis Langobardorum (un breve testo del VII secolo, di autore ignoto, che tramanda la storia dei Longobardi): «Certum tamen est, Langobardos ab intactae ferro barbae longitudine […]. Nam iuxta illorum linguam lang longam, bard barbam significat (è certo, però, che i Longobardi avevano integra dal ferro la lunghezza della barba […]. Dunque, secondo la loro lingua, lang vuol dire “lunga” e bard “barba”)».
questa leggenda è arrivata fino ai nostri giorni, ed è universalmente accettata, poiché anche i linguisti e gli storici hanno preferito mantenere l’etnonimo di popolo con la “barba lunga”, funzionale per descrivere una tribù barbarica, rispetto a quello di “barda lunga”.
Ma la linguistica non può accettare che la radice del tedesco antico “bard”, da cui proviene “barda”, possa essere comparata a “bart”, da cui deriva “barba”, poiché la consonante “d” si oppone ed è distintiva della “t”.
Pertanto, occorre dare dignità ai longobardi, chiamandoli con il giusto appellativo di popolo dalle “lunghe barde” e non dalle “barbe lunghe”.
Infine, cosa accomuna i Longobardi alla tradizione sarda della “bàrdia”?

Il libro è scritto in sardo e in italiano ed è composto di 180 pagine. Costo 15 euro. Spedizione gratuita solo in Italia.

SARDU
Cando Pàulu Diàconu (Paulus Diaconus, pseudònimu de Paul Warnefried o fintzas Paolo de Varnefrido, Cividale de su Friuli, 720 – Montecassino, 799) in s’Historia Langobardorum sua cussiderat comente ridìcula sa paristòria subra su nùmene de sos Longobardos, non si ponet peroe su problema de cale siat su sinnificu de s’etnònimu de custu pòpulu e reportat, gasi comente est, cussu chi bi fiat iscritu in s’Origo Gentis Langobardorum (unu testu curtzu de su VII sèculu, de autore disconnotu, chi tramandat s’istòria de sos Longobardos): «Certum tamen est, Langobardos ab intactae ferro barbae longitudine […]. Nam iuxta illorum linguam lang longam, bard barbam significat (Est tzertu, peroe, chi sos Longobardos aiant ìntegra dae su ferru sa longària de sa barba […]. Duncas, segundu sa limba issoro, lang cheret nàrrere “longa” e bard “barba”)».
Custa paristòria est lòmpida finas a sas dies nostras e est dae totu atzetada, ca fintzas sos linguistas e sos istòricos ant prefèrridu mantènnere s’etnònimu de pòpulu cun sa “barba longa”, funtzionale pro discrìvere una tribù barbàrica, respetu a “cussu de “barda longa”. Ma sa linguìstica non podet atzetare chi sa radighina de su tedescu antigu “bard”, dae ube benit “barda”, potzat èssere cumparada a “bart”, dae ube benit “barba”, ca sa cunsonante “d” si oponet e est distintiva de sa “t”.
Pro tantu, tocat de torrare a dare dignidade a sos Longobardos, cramende·los cun su giustu apellativu de pòpulu cun sas “bardas longas” e non cun sas “barbas longas”.
In fines, ite acumonat sos Longobardos a sa traditzione sarda de sa “bàrdia”?

Su lìberu est iscritu in sardu e in italianu e est cumpostu de 180 pàginas. costu 15 euros. Ispeditzione a s’indonu in Italia ebbia.